Scegli l'ENERGIA che fa per TE!

Problemi di memoria? Non è raro perdere qualche colpo anche da giovani, per fortuna esistono i rinforzi giusti per ogni età

Le piccole dimenticanze stanno diventando più frequenti? L’agenda, il cellulare o il pc non ci aiutano? Come risolvere il problema?

Capita a tutti di avere qualche piccolo deficit mnemonico ogni tanto. A volte ci sforziamo (senza successo) di ricordare fatti o nomi che abbiamo sulla punta della lingua, oppure ci succede di uscire per qualche commissione e rientrare senza aver combinato nulla e, magari, aver fatto tutt’altro. Questo accade perché siamo distratti e abbiamo sempre la testa piena di pensieri. Ma che accade se questi vuoti di memoria si moltiplicano, se ci scordiamo di date o appuntamenti importanti, se anche quando segniamo in agenda un bell’ordine del giorno, lasciamo sempre indietro qualcosa? Senza drammatizzare, potremmo desumere che il nostro cervello ci sta mandando dei segnali.

Ad esempio, potrebbe volerci comunicare che siamo sotto stress e la nostra mente fatica a stare dietro alle mille preoccupazioni e ansie con cui la riempiamo. Oppure che ci siamo trascurati e non ci nutriamo adeguatamente per le nostre esigenze. O, infine, che ci siamo assunti più responsabilità di quante siamo in grado di sopportare, ad esempio in ambito lavorativo, e non riusciamo a reggere i ritmi. Ci sono, poi, delle fasi della vita i cui la memoria ha davvero bisogno di una mano. Parliamo del periodo degli studi, in particolare quello a ridosso degli esami, sia di fine anno sia universitari.

Ogni studente alle prese con la maturità sa bene quanto siano stressanti gli ultimi mesi dell’anno scolastico, quando si deve ancora studiare per le ultime interrogazioni con la mente già proiettata all’esame futuro. Questo momento della vita scolastica è davvero molto duro per tutti, perché si deve dare il massimo quando però si risente della fatica di tutto un anno passato sui libri. Il ripasso diventa frenetico, si dorme poco e l’ansia da prestazione ci mette lo zampino, ragion per cui anche la memoria può giocare qualche brutto tiro proprio quando dovrebbe supportarci, ovvero davanti alla commissione d’esame. Per mantenere la mente vivace e reattiva e la memoria inossidabile, però, ci sono tanti aiuti e qualche regola semplice da seguire.

Mangiare bene, lasciando da parte snack dolci e litri di caffè ma privilegiando proteine, vitamine e minerali contenuti in frutta e verdura, cereali integrali, legumi, carne e tanto pesce, è il primo passo. Perché il cervello possa immagazzinare le informazioni raccolte durante lo studio diurno ha necessità di riposo, un sonno di qualità garantisce freschezza e performance migliori. Infine, dei buoni integratori alimentari e supplementi vitaminici possono fornire quel sostengo in più di cui la memoria ha bisogno per dare il massimo.

L’altra fase della vita, ben più lunga, in cui la memoria perde colpi è, naturalmente, la terza età, quando si comincia ad invecchiare e anche la testa non è più quella di un tempo. Un declino inevitabile? Certo che no! Anche in questo caso se manteniamo la mente allenata, se ci nutriamo bene ricordandoci che è importante bere tanta acqua per mantenere il giusto grado di idratazione anche a livello cerebrale, potremo egregiamente contare su una memoria di ferro per tutti gli anni a venire. Quando ve ne sia bisogno, poi, basterà fare un salto in farmacia, troveremo senz’altro l’integratore alimentare adeguato alla nostra età e alle nostre esigenze specifiche.

Fai il check-up della tua energia

MG.KVIS Program

MG.K Vis Program

Partecipa all' MGK Vis Program per ricevere gratuitamente risposte personalizzate con utili suggerimenti per mantenere e migliorare la tua vitalità quotidiana.

Anni Cm Kg